Partenza in salita – Recensione

Teatro San Babila di Milano
dal 7 al 12 maggio 2019
Partenza in salita 
di
Gianni Clementi 
regia
Corrado Tedeschi  e Marco Rampoldi
con
Corrado Tedeschi e Camilla Tedeschi

Corrado Tedeschi porta a teatro sua figlia Camilla e recita con lei proprio la parte del padre e della figlia. Il pretesto dell’incontro è legato al fatto che il padre deve dare lezioni di guida alla figlia. E, naturalmente, data la differenza d’età tra i due, adottano un linguaggio che è quello che viene usato da due generazione diverse. Inoltre il padre fa il mestiere dell’attore e ci tiene a usare un linguaggio più forbito e mal comprende certi termini che la figlia usa.

In realtà Corrado Tedeschi ha fatto scrivere questo testo da Gianni Clemente perché raccontasse parte della sua vita, dopo essersi salvato dal male del secolo che lo aveva colpito e dal quale, finalmente guarito, ha preso maggiore coscienza dei doveri che la vita familiare impone.

L’incontro con la figlia all’inizio della commedia non è dei più felici perché la ragazza rimprovera al padre di non essere stato molto presente in famiglia e coglie più di un’occasione per farglielo notare. Lui si giustifica con il fatto che, con il mestiere che conduce, si deve trovare spesso in altre città, anche all’estero, e non può essere stato un padre tradizionale durante la crescita dei due figli che aveva avuto, dei quali Camilla è quella che si è sentita maggiormente “abbandonata”.

Tuttavia, durante le lezioni di guida, i due si parlano e finalmente vengono a conoscersi più profondamente.

Simbolico è il cartello che riporta la lettera “P” che viene posto sul vetro posteriore della macchina e sta a significare la parola “principianti”. Quella stessa lettera è anche l’iniziale della parola padre e arriverà il momento di usarla per fargli assumere quest’altro significato: è il segno della riconciliazione del padre con la figlia che, finalmente, soprattutto, dopo la malattia del padre, scopre in sé quell’affetto che non le è mai mancato, anche se scarsamente dimostrato quando lei era in fase di crescita.

La commedia, forse perché racconta una storia verosimile, è un bellissimo esempio dell’arte di Corrado Tedeschi che, nel recitare, ha il coraggio di mettersi a nudo e questo lo dimostra perché vive in realtà parte del suo vissuto. E la figlia Camilla, che dovrebbe fargli da spalla, in realtà mette a nudo i suoi sentimenti reali. La storia, che ha più di un momento di divertimento, grazie all’ottima drammaturgia che usa frasi che portano al riso che servono a smorzare la tensione che si crea tra i due, è carica di sentimento (e non potrebbe essere altrimenti). Il pubblico lo capisce e applaude i due protagonisti con entusiasmo.

Di Corrado Tedeschi non si può che dire tutto il bene possibile, non ha voluto scrivere direttamente la drammaturgia, forse per timore di essere troppo coinvolto emotivamente in prima persona, ma non ha rinunciato alla regia e alla recitazione che riesce a mettere un velo separativo tra una verità che porta brutta ricordi e un’opera teatrale che la racconta per simboli.

Camilla Tedeschi si dimostra un’ottima figlia d’arte, sostenendo la sua parte con molto talento, merito senz’altro di papà che l’ha saputa dirigere al meglio.

La strada in salita è uno dei momenti che si insegna durante le lezioni di scuola guida e qui diventa la metafora dello sforzo che il padre deve fare per ottenere l’affetto di sua figlia, la quale all’inizio sembra rinunciare, ma quando comprende che quell’affetto c’era stato sempre, sia pure in una forma non tradizionale, riesce a percorrere con successo “la salita”.

Il pubblico della recita pomeridiana di ieri ha comunque quasi riempito il teatro e ha dato dimostrazione di enorme gradimento.

Commedia da vedere, non solo per la bravura degli attori, perché può essere d’insegnamento al modus vivendi di oggi, oltre che divertire, teatralmente parlando.

Produzione Teatro San BabilaFama Fantasma srl

TEATRO SAN BABILA Corso Venezia, 2/A – 20121 Milano -Tel. 02 798010

info@teatrosanbabilamilano.it http://www.teatrosanbabilamilano.it

GLI SPETTACOLI AVRANNO LUOGO PRESSO IL TEATRO PROSA:

martedì – giovedì – venerdì – sabato ore 20.30 – mercoledì – sabato – domenica ore 15.30

BIGLIETTI da euro 18 a euro 28

ORARI BIGLIETTERIA: La biglietteria è aperta da martedì – giovedì – venerdì dalle ore 10 alle ore 17 – Mercoledì – sabato – domenica dalle 14 alle 17 – La biglietteria è aperta anche un’ora prima di ogni spettacolo

PARCHEGGIO CONVENZIONATO PIAZZA MEDA: BEST IN PARKING ,Piazza Meda, 2/A – 20121 Milano. Tariffa forfait di € 5,00 nella fascia serale dalle 18.30 alle 01.00, fascia pomeridiana dalle 14.30 alle 19.30

Carlo Tomeo: ogni diritto è riservato

Categorie RECENSIONi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close