Nessuna pietà per l’arbitro – comunicato stampa

Teatro Filodrammatici di Milano
19-24 febbraio 2019
Nessuna pietà per l’arbitro
di Emanuele Aldrovandi 
con Filippo Bedeschi Luca Mammoli  Federica Ombrato
Alessandro Vezzani 
regia Marcio Maccieri  Angela Ruozzi
scene Antonio Panzuto 
costumi Rosa Mariotti
disegno luci Silvia Clai                                                                                                                 consulenza scientifica Marco Giampieretti                                                                               Produzione Centro Teatrale MaMiMò                                                                                                                                                          

                                                                   prima nazionale                                                                                                                            

spettacolo vincitore del Premio del pubblico al Festival di Resistenza 2017
spettacolo finalista InBox 2018 | spettacolo selezione Visionari Kilowatt Festival 2018

Il 19 febbraio debutta presso il Teatro Filodrammatici, in prima milanese, il nuovo lavoro del drammaturgo Emanuele Aldrovandi. La compagnia MaMiMò porta in scena un thriller filosofico e surreale che si gioca tra campo da basket e Costituzione.

             “È possibile un pensiero ideologico in un’epoca post-ideologica?”

Una partita rissosa, un fallo non fischiato e un braccio rotto, oltre a innescare un meccanismo drammaturgico tragico ed esilarante, portano a riflettere sull’importanza delle regole, sia su un campo da basket che nella costruzione di un Paese e nella vita di una famiglia. È questo il tema centrale dello spettacolo e, come spesso accade nei testi di Aldrovandi, la possibile risposta a un quesito universale arriva da un fatto banale. Da De Gasperi a Michael Jordan, il campo da basket diventa dunque parafrasi della nostra Italia di oggi, una società post-ideologica in cui però ha ancora senso parlare del dualismo tra legge e libertà, individualismo e bene comune, potere e anarchia, idealismo e utilitarismo.

PERSONAGGI
Giuseppe (Luca Mammoli): storico, ricercatore universitario, mille euro al mese. Sta preparando, con grandi difficoltà di stesura, un discorso per la celebrazione del 2 giugno, Festa della Repubblica italiana.

Moglie (Federica Ombrato): in dolce attesa, sarà licenziata non appena il suo datore di lavoro se ne accorgerà. Incoraggia il marito a scrivere il discorso convinta che sia un modo per avere successo e far quadrare i bilanci familiari.

Figlio (Filippo Bedeschi): disoccupato, a rischio neet, gioca a basket e ha dei seri problemi di gestione della propria collera.

Arbitro (Alessandro Vezzani): come hobby dirige partite di basket, di mestiere fa colloqui di lavoro.

NOTE DI REGIA

Un muro rosso. Una lavagna per appuntare i pensieri. Un ambiente nel quale si entra e si esce senza che si trasformi mai. Un playground, uno spazio di gioco, forse un salotto, forse uno spogliatoio. Questo lo spazio di messinscena di Nessuna pietà per l’arbitro, una parabola teatrale contemporanea in cui una tipica famiglia italiana, un’ipotetica microsocietà, gioca a basket e nel frattempo si interroga sul senso delle leggi e sui valori che regolano le proprie scelte.

Le leggi si possono accettare come strada per costruire un mondo migliore, questo pensa Giuseppe, il padre; possono essere sfruttate a proprio favore per il successo personale, questo pensa Moglie; oppure sono un obbligo dettato dall’alto a punire l’espressione dell’io individuale, questo pensa Figlio. Il diverso rapporto con le regole, qui esplicitato dal punto di vista dei vari personaggi, è a nostro parere insito nella coscienza dell’uomo contemporaneo. A cosa servono le leggi? I principi fondanti dei nostri padri costituenti sono ancora validi per noi? E noi, potremmo scriverne di nuovi e migliori?

La famiglia in scena, in assenza di un’immagine condivisa di futuro da consegnare “ai propri figli”, si “suicida” di un’abbondanza di conquiste personali. Ed è proprio l’arbitro, rappresentante della legge, a pagarne le spese. La vicenda famigliare e il “problema arbitro” diventa pretesto per sviluppare i conflitti etici: individualismo-collettività, potere-anarchia, potere-libertà, utilitarismo bene comune, giusto-utile. Un percorso che ci sprona a interrogarci sulla natura del tempo presente e sulla necessità o meno di migliorarlo attraverso una visione condivisa di futuro.

RASSEGNA STAMPA

L’efficacia dello spettacolo del Centro Teatrale MaMiMò Nessuna pietà per l’arbitro di Emanuele Aldrovandi sembra risiedere non tanto – o non solamente – nel bel gioco di contenuti, di riferimenti problematici, accostati con intelligente teatralità, concreti, veloci, senza fastidiose sottolineature, quanto proprio nel variare delle forme espressive, fino al tragicomico grottesco”. VALERIA OTTOLENGHI – La Gazzetta di Parma

Nessuna pietà per l’arbitro, scritto da Emanuele Aldrovandi, è il lavoro che mi è sembrato migliore, il più pensato, il meglio realizzato, tra i sei titoli che la decima edizione di In-Box dal vivo ha messo in lizza, qualche giorno fa a Siena. […] Qui, la storia di un brutto incidente sportivo (un braccio rotto in una partita di basket) precipita a cascata verso il peggio (nessuna pietà, appunto, per l’arbitro) e diventa l’occasione per porre qualche domanda sullo spirito della nostra epoca, sul dissolversi delle ideologie (meglio, degli ideali), per mettere in gioco qualche briciola etica. ROBERTO CANZIANI – QuanteScene!

EMANUELE ALDROVANDI

Nato a Reggio Emilia nel 1985, si è formato alla Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano. Ha ricevuto alcuni dei più importanti riconoscimenti per la nuova drammaturgia, fra cui il Premio Hystrio Scritture di Scena 2015 con Farfalle, il Premio Riccione Tondelli 2013 con Homicide House, il Premio Fersen 2013 con Il generale e il Premio Pirandello 2012 con Felicità. Nel 2015 ha vinto il Premio Mario Giusti del Teatro Stabile di Catania, è stato selezionato dal bando “Racconti di Guerra e di Pace i testi” del Teatro Stabile del Veneto e ha partecipato al Festival PIIGS di Barcellona. È stato scelto fra gli autori italiani per il progetto europeo Fabulamundi Playwriting Europe. Collabora stabilmente con il Centro Teatrale MaMiMò come dramaturg di compagnia. I suoi testi teatrali sono pubblicati da CUE Press.

CENTRO TEATRALE MAMIMÒ

Il Centro Teatrale MaMiMò è un polo culturale nato nel 2004 e gestisce il Teatro Piccolo Orologio di Reggio Emilia e al cui interno sono attive una Compagnia, che produce spettacoli di prosa, teatro ragazzi ed eventi culturali, e una Scuola di Teatro. La forma artistica è quella di un teatro colto e popolare insieme, atto collettivo di un gruppo riunito da una visione comune. Il Centro Teatrale MaMiMò è sostenuto dal 2012 dalla Regione Emilia Romagna come Organismo di produzione di spettacolo attraverso la L.13/1999, ed è riconosciuto dal MiBacT come Impresa di produzione di teatro di innovazione nell’ambito della sperimentazione. http://www.mamimo.it

Durata: 80′

ORARI DI RAPPRESENTAZIONE: martedì, giovedì e sabato ore 21.00 | mercoledì e venerdì ore 19.30 | domenica ore 16,00

BIGLIETTI: Intero: 22.00 euro | ridotto convenzionati: 18.00 euro | ridotto under 30: 16 euro | ridotto over 65 e under 18: 11 euro | online con prezzo dinamico: da 11 euro

www.teatrofilodrammatici.eu tel. 02 36727550

 

 

Categorie Comunicati Stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close