Trappola per topi – Recensione

Teatro San Babila – Milano
12-17 febbraio 2019
TRAPPOLA PER TOPI
di Agatha Christie
con Claudia Crisafio, Stefano Messina, Carlo Lizzani, Annalisa Di Nola
Roberto Della Casa, Elisa Di Eusanio, Sebastiano Colla, Massimiliano  Franciosa
regia Stefano Messina
scene Alessandro Chiti 
costumi Isabella Rizza 
musiche Pino Cangialosi   
luci Emiliano Baldini 

Produzione Attori & Tecnici

Se un testo teatrale scritto 65 anni anni fa viene riproposto periodicamente senza che sia cambiato nella sua struttura e neppure nel modo in cui viene rappresentato un motivo ci sarà. Questo accade nei nostri giorni, e, mentre in alcuni teatri vengono rimaneggiati e reinterpretati in modi anche bizzarri grandi classici come opere di Shakespeare, o di Moliere o Goldoni e chi più ne ha più ne metta, ci sono commedie e drammi del ‘900 che possono essere considerati non meno classici di quelli nominati e che vengono portati in scena così come sono stati concepiti dai loro autori e riescono a produrre tra gli spettatori lo stesso godimento che si possa provare per una parte del teatro contemporaneo.

È il caso della proposta fatta al Teatro San Babila in questi giorni da parte della bravissima e storica Compagnia Attori e Tecnici, diretta da Stefano Messina: “Trappola per topi” che Agata Christie scrisse all’età di 62 anni, traendola da una novella che aveva scritto l’anno prima e che si intitolava ” Tre topolini ciechi” e rappresentata ininterrottamente dal 52 (anno del debutto) al New Ambassadors Theatre di Londra dove ha continuato a mietere successo per 55 anni e che è stata (e lo è ancora ) da più di 45 paesi mondiali.

Il perché non è difficile da capire se si pensa che la costruzione della commedia è costituita da un congegno che mette insieme il thriller e il comico, mantenendo ben segreto fino al colpo di scena finale il nome dell’assassino ( e in ogni giallo che si rispetti c’è sempre un assassino e in alcuni casi più di uno). Non è sempre facile indovinare il nome del colpevole nelle opere di Agatha Christie, perché egli va cercato in un avvenimento che è accaduto spesso nel passato che sembra essere stato dimenticato. E quindi necessario in chi indaga essere a conoscenza di un episodio che ha coinvolto una o più persone e che ora cercano di vendicarsi del male subito.

Il regista Stefano Messina ha saputo cogliere alla perfezione questo aspetto e ha inoltre creato l’ambientazione giusta il più vicino possibile all’originale ben riconoscendogli l’ancora attuale funzionalità. La stessa scenografia è stata creata per mantenere il più vicino possibile quell’atmosfera (la vicenda si svolge in una pensione di vacanza condotta da una coppia alla loro prima esperienza nel ramo), così come gli attori hanno caratterizzato al massimo i tipici personaggi delle opere della scrittrice inglese. C’è molto movimento sulla scena da parte loro e anche i loro discorsi e il modo di parlare posseggono particolarità diverse le une dalle altre, alcuni volutamente sopra le righe e provocatori d’ilarità oppure misteriosi nelle loro battute. Stratagemmi, questi, per far sì che tutti possano essere sospettabili dell’omicidio che accadrà. Nello stesso tempo, crea la giusta suspense che avvince lo spettatore.

Gli attori sono stati tutti all’altezza delle parti che il regista ha chiesto loro. Alcune citazioni particolari sono tuttavia d’obbligo: Claudia Crisafio nella parte della padrona della pensione, Elisa D’Eusanio in quella dell’ospite cinica e dal passato misterioso e Carlo Lizzani nel divertente e spesso timoroso personaggio di Christopher Wren Buona, infine, la caratterizzazione di Annalisa Di Nola nella parte della signora anziana che si lamenta del servizio offertole (anche se ha commesso qualche piccolo errore in alcune battute, del resto perdonabili)

Grandi applausi nella sera della prima nel teatro pieno.

Carlo Tomeo: ogni diritto è riservato

 

ORARIO:  martedì, giovedì, venerdì, sabato: ore 20.30 – mercoledì, domenica ore 15,30-       (Il sabato anche alle 15,30)

BIGLIETTI da euro 18 a euro 28 (La biglietteria è aperta martedì – giovedì – venerdì dalle ore 10 alle ore 17 – mercoledì dalle 14 alle ore 17 –

TEATRO SAN BABILA Corso Venezia,2/A – 20121 Milano  info@teatrosanbabilamilano.it  www.teatrosanbabilamilano.it

Parcheggio convenzionato in Piazza Meda: BEST IN PARKING Piazza Meda, 2/A – 20121 Milano – Tariffa Forfait di € 5,00 nella fascia serale dalle 18,30 alle 01,00 – fascia pomeridiana dalle 14,30 alle 19,30

Categorie RECENSIONi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close