“Don Juanin Soho” al Teatro Elfo Puccini, sala Shakespeare

21>26febbraio | sala Shakespeare

Don Juanin Soho

di Patrick Marber, ispirato al Don Giovanni di Molière

regia Gabriele Russo

con Daniele Russo, Alfonso Postiglione, Mauro Marinoe cast in via di definizione

scene Roberto Crea, costumi Chiara Aversano
disegno luci Salvatore Palladino

progetto sonoro Alessio Foglia

produzione Fondazione Teatro Di Napoli – Teatro Bellini

Gabriele Russo firma l’allestimento di Don Juan in Soho, la commedia in cui Patrick Marber (candidato all’Oscar per la sceneggiatura di Closer), partendo dal Don Giovanni di Molière, racconta le vicende dello spregiudicato DJ, un Don Giovanni contemporaneo, antieroe fascinoso, amorale e ambiguo, ma al tempo stesso sfacciatamente autentico, che si muove tra le mille luci di Soho, il quartiere della trasgressione londinese. Intorno a lui, ruotano un caleidoscopio di tipi umani: l’escort, l’arrivista, la radical chic e una Elvira attivista ecologista, che il regista immagina come una Carola Rackete dei nostri giorni.

Molière è uno di quegli autori che è stato contemporaneo al suo tempo. I suoi testi, divertenti, poco confortanti e spesso piuttosto volgari, vivono di un linguaggio molto vicino a quello delle persone comuni: Molière faceva satira, una satira molto feroce e senza sconti. Già dai tempi in cui ho messo in scena Il Misantropo (2007) ho sentito che in quest’autore c’erano incredibili possibilità di riscrittura. L’ipocrisia, l’indifferenza, lo squallore che Molière sapeva raccontare, esibire, con magistrale naturalezza, non solo può essere portato nel presente, ma può essere spinto molto in avanti.[…]La chiave della mia messinscena più che giocare sulle ambientazioni, sullo scenario (che comunque resta un elemento centrale, presente persino nel titolo) si concentra e riflette sulla recitazione. O ancora meglio, sulla lingua, sui tanti modi possibili e qui necessari di porgerla attraverso gli slang, le cadenze specifiche, gli accenti locali. Come in un impasto o se si vuole un ventaglio ricco ma coerente. Questo è per me il punto in cui si gioca la credibilità, il patto di verosimiglianza con il pubblico. Un filo più che mai sottile che paradossalmente risulta più complesso da ottenere quando si mette in scena un testo classico che utilizza il voi e termini e modi ormai desueti. Una messinscena che pur non rinunciando alla ‘forma teatro’ gioca la sua partita tutta nel rapporto con il pubblico. Nella smaccata riconoscibilità dei segni e dei personaggi, rinunciando apparentemente alla metafora e lasciando che essa sia sotterranea. Lavorando su un primo livello di fruizione che non abbia il timore di essere pienamente popolare. Di parlare al presente, senza filtri. […]Don Giovanni è un emblema di ciò che è inaccettabile, c’è però una radicalità nuova nel suo personaggio: quella di non recitare un ruolo, ma di esserlo. Allo stesso modo diventano radicali e corrispondenti al presente le domande che porta con sé questo specifico modo di agire: pur di sopravvivere e mantenere un’apparenza di vita immutata rispetto al passato, fino a che punto sono disposto a sacrificare le mie libertà? E fin dove è circoscritto il campo della libertà individuale se va a ledere la libertà altrui? Quanto costa agli altri e oserei dire al pianeta la libertà delle proprie azioni? Infine, tornando più semplicemente al testo, fino a che punto un DJ ha diritto di vivere ed agire come meglio crede, a discapito di tutto e tutti? (Gabriele Russo)

TEATRO ELFO PUCCINI, corso Buenos Aires 33, Milano – Mart/sab. ore 20.30; dom. ore 16.00 Prezzi: intero € 34 / <25 anni >65 anni € 18 / online da € 16,50 – Durata: 1 ora40- Biglietteria: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.org – whatsapp 333.20.49021

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close