“Il condominio” all’AltaLuce Teatro – comunicato stampa

AltaLuce Teatro – 20 e 21 gennaio 2023 – ore 20.30

IL CONDOMINIO

Uno spettacolo superficiale con qualcosa da dire

di e con Cinzia Spanò

aiuto regista Valeria Perdonò

allestimento tecnico Giuliano Almerighi

produzione Teatro dell’Elfo

In un condominio di Milano, sin dal mattino i vicini di casa si scambiano messaggi per assicurarsi che tutto scorra in maniera ordinata e disciplinata. Sono risoluti ad affrontare il delinquente che continua a buttare la plastica nel contenitore della carta, il disadattato che lascia aperta costantemente la porta dell’ascensore, il provocatore in possesso del termosifone che gorgoglia rumorosamente. Nessun problema è trascurabile per il Condominio, tutto viene affrontato con la massima serietà e mettendo in campo azioni mirate e coordinate alla ricerca di chi attenta alla pace della piccola comunità. La vita condominiale diventa così metafora della condizione umana e delle dinamiche che regolano i rapporti tra le persone.

Note di regia

Dopo averli ignorati per anni, durante i lockdown della pandemia ho cominciato a osservare con maggiore attenzione i messaggi che arrivavano nella mia chat condominiale, un gruppo whatsapp in cui sono stata inserita con la rassicurazione che il gruppo sarebbe servito esclusivamente per scambiarsi comunicazioni e informazioni riguardanti il condominio.

La chat in realtà si è rivelata da subito un capolavoro di delazione e bullismo, con interventi inutili se non addirittura nocivi, tesi a gettare sospetti su altri condomini ed esasperare gli animi, spesso con messaggi privi di qualsiasi logica e ogni tanto anche della più elementare grammatica italiana. Le vittime dell’attività della chat sono tutti quelli che non ne fanno parte, ignare e ignari condomini sui quali vengono gettati i sospetti più infamanti, uno fra tutti quello di attentare al decoro del condominio. Ho cominciato a notare come nel microcosmo condominiale fossero rilevabili tutte le dinamiche che osserviamo nel mondo, rese semplicemente più evidenti ed esasperate perché più concentrate. Intanto la ricerca costante di un nemico, attraverso la quale il gruppo si compatta maggiormente e definisce la propria identità. E quando il nemico non esiste il gruppo se lo crea, come ebbe già modo di osservare Umberto Eco nel suo “costruire il nemico”. Molto di quello che accade nel mondo è spiegabile, credo, con questa dinamica. Interessante anche capire quali siano in nemici contro i quali si coalizza il gruppo: i sospettati sono sempre “i nuovi”. I nuovi non sono solo i condomini appena arrivati ma tutti quelli che non assomigliano al nucleo attivo della chat: prima di tutto gli stranieri, poi quelli strani e meno socievoli, infine tutti quelli che si trovano al di fuori del perimetro condominiale e che attentano, con la loro sola presenza, alla pace e alla sicurezza della comunità. In questa logica lo straniero diventa qualsiasi persona al di fuori della propria microscopica comunità e l’intolleranza esibita, mascherata da rispetto per l’ordine, produce più caos del disordine che intende combattere. Ad un certo punto mi sono domandata come gestire la frustrazione che mi generava la lettura di quei messaggi. Ho quindi pensato semplicemente di abbandonare la chat. Poi ho pensato che ancora meglio poteva essere provare a riderci su, farci uno spettacolo, e poi abbandonare la chat. (Cinzia Spanò)

durata: 75 min senza intervallo

Cinzia Spanò è attrice, regista e autrice. Diplomata all’Accademia dei Filodrammatici di Milano. Ha lavorato in teatro con importanti registi fra i quali Antonio Latella, Massimo Castri, Damiano Michieletto, Francesco Frongia, Ferdinando Bruni, Jacopo Gassmann, Carmelo Rifici, Massimo Navone.

Ha vinto il premio Imola, il premio Hystrio, il premio Anteprima ed è stata finalista ai premi Ubu per il teatro. Con il testo La Moglie ha vinto il Premio Donne e Teatro 2018.

Lo spettacolo Tutto quello che volevo vince il Premio Milano Donna. Nel 2020 fonda insieme ad altre colleghe Amleta, contro le disparità e le discriminazioni delle donne nel mondo dello spettacolo.

Nel 2020 il Corriere della Sera la inserisce fra le 110 donne dell’anno.

AltaLuce Teatro – Alzaia Naviglio Grande 190 – 20144 Milano

biglietto unico: 18€ +2€ tessera associativa (biglietti gratuiti per cittadini con disabilità e per accompagnatori)

DOVE E QUANDO ACQUISTARE:  i biglietti si possono prenotare telefonicamente 348/7076093 o via mail alt@altaluceteatro.com e ritirare entro 30 minuti dallo spettacolo

ONLINE: VIVATICKET (vivaticket.com/it)

COME RAGGIUNGERCI: IN TRAM: LINEA 2  fermata Via Lodovico Il Moro/Cavalcavia Don Milani

IN AUTOBUS: LINEE 98, 325, 351 fermata Via Lodovico Il Moro/Cavalcavia Don Milani ­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­­

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close