Festival Internazionale “Per Giorgio Strehler – Paesaggi teatrali”: Spettacoli dal 13 al 15 Maggio

Rassegna Presente indicativo: per Giorgio Strehler (paesaggi teatrali)

Festival internazionale di teatro | 4-31 maggio 2022:

(Federica Rosellini in “Carne blu”)

Teatro Studio, 13 e 14 maggio 2022      

produzione Piccolo Teatro di Milano

Federica Rosellini (artista associata del Piccolo Teatro)

Carne blu

di Federica Rosellini

tratto da Carne blu. Un Orlando di Federica Rosellini (Giulio Perrone Editore)

con Federica Rosellini

scenografa Paola Villani

costumista Simona D’Amico

realizzazione scultorea creatura III atto Daniele Franzella su disegno di Simona d’Amico

light designer Luigi Biondi

visual designer Massimo Racozzi

sound designer Gup Alcaro

aiuto regia Elvira Berarducci

regia Federica Rosellini e Fiona Sansone

produzione Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa

un ringraziamento particolare a Daniela Bassani e a Nadia Terranova

con il sostegno di Dialoghi – Residenze delle arti performative a Villa Manin/CSS Teatro stabile di Innovazione del FVG e di RuotaLibera/Centrale Preneste Teatro

Federica Rosellini è per la prima volta regista di una produzione del Piccolo, con il monologo da lei stessa interpretato, tratto da Carne blu, testo che ha pubblicato nel 2021, con prefazione di Nadia Terranova e Claudio Longhi e postfazione di Fiona Sansone. Carne blu è una fiaba nera, la storia del viaggio di Orlando, bambino nato sulla Luna, e del suo cuore di pesce, perché Orlando, a differenza degli altri bambini, non ha un cuore di carne protetto dalla cassa toracica, ma una piccola tasca di stoffa, sulla sinistra del petto, dove nuota un pesciolino tutto d’oro, Sunny. Quando Orlando lascia il proprio cuore libero di nuotare, la metamorfosi inizia e il corpo cambia, attraversando specie e generi diversi: è maschio e femmina, è uccello e insetto. Ispirandosi all’Orlando Furioso di Ariosto e all’omonima creatura mutaforma di Virginia Woolf, Federica Rosellini compone la storia di una ricerca: di ciò che è andato perso ma che non si è riusciti dimenticare. Con la coregia di Fiona Sansone, esperta di didattica e di teatro dell’infanzia, Carne blu è uno spettacolo che interroga sull’infanzia, con violenza.

Scene di nudo integrale e linguaggio sessuale esplicito

Spettacolo in lingua italiana

Durata 160’ con due intervalli

Venerdì 13 alle ore 19.00, sabato 14 alle ore 19.30

Federica Rosellini, classe 1989, dopo gli studi di canto e violino, si diploma alla Scuola del Piccolo Teatro. È performer, drammaturga, regista, danzatrice e illustratrice. È stata diretta, fra gli altri, da Luca Ronconi, Antonio Latella, Andrea de Rosa, Gerard Watkins. Ha vinto i premi Hystrio alla vocazione, Ubu miglior attrice under35, Hystrio Mariangela Melato e Virginia Reiter miglior attrice under35. Nel 2017 è protagonista del film Dove cadono le ombre, regia Valentina Pedicini, per cui ottiene il Nuovo Imaie Talent Award come attrice rivelazione del Festival del Cinema di Venezia 74. Nel 2015, con Francesca Manieri, fonda la compagnia Ariel dei Merli. Nel 2021 è stata Amleto nell’Hamlet di Antonio Latella, prodotto dal Piccolo, ha diretto Ivan e i cani di Hattie Naylor e pubblicato il primo libro, Carne Blu (Giulio Perrone Editore), per cui ha realizzato anche le illustrazioni.

(Pascal Rambert)

Teatro Grassi, dal 13 al 15 maggio 2022

Prima nazionale

Pascal Rambert (artista associato del Piccolo Teatro)                                

Deux amis

testo e regia Pascal Rambert

luci Yves Godin

costumi Anaïs Romand

collaborazione artistica Pauline Roussille

con Charles Berling, Stanislas Nordey

produzione Structure Production

coproduzione ChâteauvallonScèneNationale, TNS – Théâtre National de Strasbourg, ThéâtredesBouffesdu Nord

si ringrazia la Fondazione Teatro Piemonte Europa-TPE

si ringrazia per la collaborazione il Dipartimento di Lingue, Letterature, Culture e Mediazioni dell’Università degli Studi di Milano

Dopo Clôture de l’amour e Répétition – di cui Pascal Rambertaveva curato anche le regie in lingua italiana per Emilia RomagnaTeatro Fondazione – il drammaturgo e regista francese porta alPiccolo Deuxamis, nella versione originale pensata per l’edizione2021 del Festival d’été de Châteauvallon.

I due amici del titolo sono una coppia, formata dagli attori Stanislas Nordey e Charles Berling. Vivono insieme e insieme stanno anche lavorando alla ripresa dello spettacolo 4 Molière – ovvero Il misantropo, La scuola delle mogli, Tartufo e Don Giovanni. È la storica regia firmata alla fine degli anni Settanta da Antoine Vitez, che aveva allestito quei testi semplicemente con un tavolo, due sedie e un bastone. Nel corso delle prove, accade che a Charles capiti fatalmente di leggere sul cellulare di Stanislas un messaggio che non avrebbe mai dovuto vedere. Sarà l’esplosione violentissima, dal vivo e in tempo reale, di una coppia di artisti.

Spettacolo in lingua francese

Durata 80’

Venerdì 13 alle ore 21.00, sabato 14 alle ore 19.30, domenica 15 alle ore 16.00

Pascal Rambert (Nizza, 1962) è uno scrittore, coreografo e regista teatrale e cinematografico francese. Partner e artista residente di alcuni teatri europei (tra gli altri, Théâtre des Bouffes du Nord di Parigi, El Pavón Teatro Kamikaze di Madrid, Teatro Nazionale di Strasburgo, Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa), ha creato spettacoli presentati in Europa, Centro e Sud America, Nord Africa, Russia, Asia, Medio Oriente. I suoi testi hanno ricevuto moltissimi premi e sono stati tradotti e pubblicati in inglese, russo, italiano, tedesco, giapponese, mandarino, croato, sloveno, polacco, portoghese, danese, spagnolo, catalano, olandese, thailandese, ceco e greco.

(Wakatt”)

Teatro Strehler, 14 e 15 maggio 2022

Burkina Faso

Prima nazionale

Serge Aimé Coulibaly

Wakatt

ideazione e coreografie Serge Aimé Coulibaly

composizione e direzione musicale Magic Malik

drammaturgia Sara Vanderieck

scenografia e costumi Catherine Cosme

luci Giacinto Caponio

suoni Ralph M’Fah-Traoré

con Marion Alzieu, BibataMaiga, Jean Robert Koudogbo-Kiki, Antonia Naouele, Adonis Nebie, Jolie Ngemi, SayoubaSigué, Snake,Ahmed Soura, Marco Labellarte

musicisti Magic Malik Orchestra:Magic Malik, Maxime Zampieri,Jean-Luc Lehr

produzione Faso DanseThéâtre

coproduzione Théâtre National Wallonie-Bruxelles, La Biennale de la Danse Lyon, Ruhrtriennale, deSingel Antwerpen,

Kampnagel Hamburg, MünchnerKammerspiele, Tanzhaus Düsseldorf, LesThéâtres de la Ville de Luxembourg

si ringrazia Ankata (Bobo Dioulasso, Burkina Faso) in DreamcityTunis

con il supporto di The Flemish Community, FédérationWallonie-Bruxelles, Wallonie-Bruxelles International e The BelgiumTaxShelter

si ringrazia per la collaborazione il Dipartimento di Lingue, Letterature, Culture e Mediazioni dell’Università degli Studi di Milano

Dopo aver esplorato in numerosi spettacoli l’impegno richiesto agli individui e alla collettività per la creazione di un mondo migliore, Serge Aimé Coulibaly – qui insieme a Magic Malik – mette ora in discussione il tempo presente in una creazione dal titolo Wakatt. In preparazione dal 2018, lo spettacolo mostra al pubblico un’umanità in transizione, guardando alla natura dell’essere umano e al suo “istinto naturale” di crearsi un futuro, per domandarsi come si possa parlare del tempo presente. La realtà mondiale pre-pandemica offriva già sufficiente sostanza all’indagine attorno a questa domanda, ma, come sottolinea il coreografo, «l’esperienza che stiamo vivendo alimenterà e rafforzerà il nostro scopo». La danza diventa così il mezzo essenziale tramite il quale stimolare la riflessione e il pensiero, in un movimento che attraversando il corpo lo irrora di energia portando la mente a uno stato in cui l’intuizione e l’urgenza prendono il controllo.

In un momento in cui si erigono muri tra popoli e i nazionalismi ostentano il rifiuto dell’altro, Wakatt incoraggia alla resistenza e all’apertura verso un futuro comune e generoso.

Spettacolo senza testo

Durata 75’

Sabato 14 alle ore 19.30, domenica 15 alle ore 16.00 Serge Aimé Coulibaly nato a Bobo-Dioulasso (Burkina Faso) è un ballerino e coreografo belga-burkinabé. Il suo lavoro si lega fortemente alla cultura africana, dalla quale trae costante ispirazione per dare vita a un’arte impegnata, a una danza radicata nella sfera emotiva oltre che portatrice di riflessione e speranza. Nel 2002 ha fondato la sua compagnia Faso Danse Théâtre portando i suoi spettacoli in tournée dall’Europa all’Africa. Insegna in tutto il mondo tenendo seminari in cui esplora il ruolo dell’artista nella società.

Informazioni e prenotazioni 02.21126116 – www.piccoloteatro.org

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close