Eva (1912 – 1945) MTM – LaCavallerizza – recensione

eva-@manuela-giustoTeatro MTMSala La Cavallerizza 
22 – 27 ottobre 2019
Eva (1912 – 1945)
di Massimo Sgorbani
con Federica Fracassi                                                                                                               regia di Renzo Martinelli
drammaturgia di Francesca Garolla
audio e video Fabio Cinicola 
luci Mattia De Pace 
Produzione Teatro i con il patrocinio di Next / Laboratorio delle idee 

Recensione

Federica Fracassi nella parte dell’ultima amante di Hitler. Al titolo del monologo “Eva” non è stato aggiunto alcun cognome ma sono riportate le date di nascita e di morte da cui si capisce subito che si parla di Eva Braun. Quante furono le donne nel periodo dei maggiori successi riportati dal capo dei nazisti che restavano vittime della sua forma di fascino dovuto al potere ? Accadeva in Italia anche con Mussolini e le donne, magari le più romantiche, si innamoravano dell’uomo potente da lui incarnato. Così capitò a Eva Braun che, dal quarto posto che occupava tra le donne sedotte da Hitler, divenne l’amante numero 1, fino a sposarlo il giorno prima della morte per suicidio.

Il monologo cui ho assistito è il secondo capitolo di una trilogia di Massimo Sgorbani del Teatro i, e che racconta gli ultimi giorni di vita di Hitler: è stato ripreso per far parte del progetto “Le ragazze raccontano” dell’MTM Teatro e rappresentato nella Sala de La Cavallerizza.

Eva Braun si fa conoscere nelle varie sfaccettature del suo animo. Ề una donna romantica e si identifica in Rossella O’Hara, la protagonista del film “Via col vento” le cui scene sono proiettate sul fondale del palcoscenico che, come tutte le mura de La Cavallerizza è costituito da mattoni. Geniale l’idea di proiettare le scene in questo modo, perché fa apparire tutta la storia di “Via col vento” distorta e illusoria. Simbolo dell’illusorietà di Eva che sogna solo di stare il più a lungo possibile con il suo Führer. Ogni tanto si sente amplificata la voce di Mami del film, che mette inutilmente in guardia la donna in scena la quale invece si sente felice della storia d’amore che prova e diventa collerica solo quando il suo amato è “costretto” a occuparsi di azioni belliche e quindi a farsi vedere poco. “Le donne non devono occuparsi di guerre, le donne devono solo pensare all’amore” dirà a un certo punto. E lei non si trattiene dal raccontare delle varie forme di perversioni cui il suo amato la “onorava”, attribuendole all’amore, come l’urofilia, mentre invece, stante anche ad alcuni studi svolti da psicologi e psichiatri, Hitler era quasi impotente e ricorreva a varie manifestazioni sessuali “alternative”. Nello spazio in cui Eva si muove, e costituito da pochi oggetti tra i quali il divano dove andrà a morire, la donna parla e ripete del suo amore che la rende felice, balla, prende a calci un pupazzo rappresentante una cagnolina di peluche. Anche questo può avere una sua simbologia: potrebbe essere la compagna umile di Blondie, il pastore tedesco di Hitler, che ha ben altro valore rispetto a una cagnolina che sopporta tutto per amore. Quello stesso valore che lei potrebbe avere per il suo amato.

Molto coerente con la storia,  la drammaturgia scritta da Francesca Garolla, che, nell’adattamento operato, mette molto in evidenza, a momenti alterni, frasi tenere e parole scurrili del testo di di Massimo Sgorbani e che Federica Fracassi, nel  suo parlare e nei suoi movimenti, spesso convulsi, non esiti a interpretare  e  che alternano una forma insolita di grottesco a punti di drammaticità, specie verso la fine. L’attrice riempie la scena e sa provocare nell’animo dello spettatore una forte emozione, perché riesce a fargli comprendere  che non si può provare odio verso chi ha amato ingenuamente un uomo che ha fatto tanto male all’umanità. Lei non è colpevole se non del suo bisogno di amare e di sentirsi amata e questo lo dimostra, quando, dissentendo dai consigli dati dalla voce di Mami, dirà che lei non abbandonerà il suo uomo e resterà con lui fino alla fine. il tutto, mentre la colonna sonora di ” Via col vento” annuncia paradossalmente  che “domani è un altro giorno”.

Le ragazze raccontano_EVA

Che dire di  Federica Fracassi, già giudicata una grande attrice, se non che ha dimostrato di essere in crescita continua? I caldissimi applausi, ripetuti più e più volte ne sono stati la prova. In questi casi ogni altro complimento sarebbe superfluo.               

Carlo Tomeo: ogni diritto è riservato

Info e prezzi;

La Cavallerizza – da martedì a domenica ore 19:30
Biglietti: intero 15€ – ridotto scuole MTM, Paolo Grassi, Piccolo Teatro 10€ – ridotto DVA 7,50€

spettacolo in abbonamento: Arcobaleno, Arcobaleno tandem, Arcobaleno over 65, Carta regalo x2, Carta regalo x4, Abbonamento le ragazze raccontano

 

Categorie RECENSIONi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close