Contenuto zero – Varietà 5° – Recensione

MTM – Teatro Leonardo Contenuti Zero, Varietà 5°: °sette spettacoli diversi ogni due mercoledì del mese.

13 febbraio 2019:  Le cinque terre 
con Lorenzo 
Attanasio, Bruno Bassi, Valentina Cardinali, Andrea Delfino, Carlo Amleto Giammusso, Tano Mongelli, Giuseppe Scoditti, Giulia Vecchio
musica 
Tano e l’Ora d’aria
scene 
Maddalena Oriani costumi Barbara Petrecca regia Pablo Solari

durata dello spettacolo: 90 minuti

I  Contenuto Zero sono arrivati al quinto loro varietà intitolato “Le cinque terre”, sempre più schizoidi e il pubblico, ormai affezionato ai nostri attori bravissimi, gli va dietro e non si limita più a ridere ma diventa parte delle azioni surreali e allegoriche. Non a caso la parola d’ordine che viene  sempre ripetuta è “allegoria, allegoria”. Anche in questo spettacolo in serata unica succede di tutto e, come è ormai d’abitudine: da una Orietta Berti invisibile che sarebbe seduta su una sedia mentre viene intervistata, a sedute analitiche del Dr. Freud  che ha per clienti, tra gli altri, Edipo, che nega di avere il complesso dovuto a suo nome, e che Freud insiste ad attribuirgli, e Giunone, ossessionata dai tradimenti del marito. Tra musiche eseguite dal vivo e battute esilaranti capita di tutto e di più e le cinque terre dove si svolgono i vari sketch sono: New York (dove il capo di gangster italiani ordina ai suoi sottoposti di scrivere poesie per gareggiare con D’Annunzio), Berlino (nello studio di Freud), Napoli (dove una coppia canta una canzone strappalacrime a sipario chiuso), Gardone Riviera (nella dimora di D’annunzio) e Milano dove avvengono altre amenità sorprendenti.

Questo esperimento teatrale ha superato la soglia del teatro off e nello stesso tempo dà una versione moderna dell’avanspettacolo. Verrebbe in mente un’analogia con la sceneggiata napoletana riveduta e corretta. Gli spettatori, infatti, sollecitano gli attori, parteggiano per l’uno o per l’altro, sono (siamo) diventati ormai affezionati amici della Compagnia, tanto da fare metaforicamente scomparire il palcoscenico che si estende nella sala in un unico locale. 

Il prossimo varietà avverrà mercoledì 27 marzo e avrà per titolo “I sei comandamenti” e la sala sarà naturalmente piena.  Allegoria, allegoria! 

Carlo Tomeo: ogni diritto è riservato

Categorie RECENSIONi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close