“Quelli che restano” al Teatro Spazio Tertulliano – Recensione

RECENSIONE:

Un’attrice che aspetta di debuttare nell’Amleto di Shakespeare ma che, colpita da un’improvvisa polmonite, è costretta a ricoverarsi in ospedale in una camera isolata che dovrà dividere con una signora più anziana. La custode di un condominio che passa la giornata chiusa in una guardiola larga tre metri per due insieme al suo gatto Lucio che rappresenta l’unico essere vivente con cui comunica. Un giovane liceale appassionato di cinema e di fiction chiuso nella sua camera davanti al computer mentre cerca di realizzare video da passare su You Tube. Un senegalese in attesa di asilo politico che trascorre la sue giornate lavorando faticosamente come rider. Sono i quattro personaggi che si alternano su una scena occupata solo da una sedia e avente sullo sfondo uno schermo dove è possibile assistere al monologo del liceale. I quattro vivono questa solitudine a seguito del lockdown e parlano rivolgendosi a un immaginario pubblico, la custode al gatto, per il bisogno di interrompere il forzato isolamento in cui si trovano costretti. In realtà si evince, nel corso della rappresentazione, che l’isolamento non è solo un contingente dovuto alla pandemia ma fa parte di qualcosa di più profondo che affligge i loro animi e che ora viene alla luce.

Vanessa Korn interpreta i quattro personaggi con quella naturalezza propria di chi ha scritto il testo e sa calarsi con disinvoltura nelle varie sfumature che costituiscono la loro psicologia: assume tonalità vigorose nel disegnare il personaggio comico della custode, suscitando in più punti l’ilarità degli spettatori, acquista toni più drammatici nei ruoli dell’attrice e del rider, per diventare poi lo studente diciassettenne esperto di cinema e che disquisisce con la disinvolta saccenteria propria degli adolescenti. Funzionali sono le immagini simboliche che appaiono sullo schermo. Lo è la finestra della camera dell’ospedale che mostra oltre il vetro un albero di magnolia, simbolo della vita che invece viene a mancare nella camera dove presumibilmente morrà la signora anziana che vi è ricoverata. Lo è il quadro “Quelli che restano” di Umberto Boccioni, la cui riproduzione appare sulla parete della camera dello studente e poi a un certo punto a tutto schermo.

Le efficaci musiche e l’incisiva regia di Francesca Gemma, che è intervenuta anche con voce registrata nella recita di una poesia, hanno impreziosito lo spettacolo che è stato accolto con grande favore dal pubblico presente. Unica replica questa sera alle ore 20,30

Visto il 2 dicembre 2022

(Carlo Tomeo)

Trailer:

(Video realizzato da Umberto Terruso)

QUELLI CHE RESTANO

ByungChul Han, La scomparsa dei riti

Uno spettacolo di e con Vanessa Korn

Regia Francesca Gemma

Video Umberto Terruso

Suoni e musiche originali FA.DE. Music Production

Poesia e voce registrata Francesca Gemma

2 e 3 Dicembre ore 20.30

Teatro Spazio Tertulliano, via Tertulliano 68, Milano

Per prenotazioni scrivere a:

biglietteria@spaziotertulliano.it

Oppure acquista su:

https://www.vivaticket.com/it/Ticket/quelli-che-restano/194577

Categorie RECENSIONI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close