“Le otto montagne” al Teatro Elfo Puccini – Sala Bausch

3/8 maggio, sala Bausch, Elfo Puccini

LE OTTO MONTAGNE

tratto da Le otto montagne di Paolo Cognetti – ed. Einaudi

romanzo vincitore del Premio Strega 2017

drammaturgia Francesca Sangalli

regia Marta M. Marangoni

con Andrea Lietti, Giuliano Comin

e con la performer Alice Bossi

voce fuori campo Arianna Scommegna

scene e costumi Marta M. Marangoni

musiche e canzoni originali Duperdu (Marta M. Marangoni e Fabio Wolf)

installazioni e azioni sonore Dario Buccino

luci Alessandro Barbieri

assistente alla regia Emanuele Giorgetti

produzione Minima Theatralia / Duperdu

Qualunque cosa sia il destino, abita nelle montagne che abbiamo sopra la testa

Le otto montagne è un caso letterario, vincitore del Premio Strega, bestseller tradotto in oltre 35 paesi e ora film con un cast stellare.È una storia di abbandono della civiltà, libertà della vita selvatica, coscienza, scelte di vita, fuga dal superfluo.

Il romanzo racconta la storia di Pietro, un ragazzino di città solitario, del suo rapporto con i genitori, con il suo amico Bruno e, soprattutto, con la montagna. Milanese di nascita, a trentun anni torna nell’estate della sua infanzia. Ad aspettarlo c’è Bruno e insieme, nel segno di un legame che il passare delle stagioni non ha sciolto, trasformano un rudere (la Barma drola) nella casa che il padre di Pietro ha progettato prima di morire.

«Abbiamo immaginato lo spettacolo come un foglio bianco su cui il protagonista traccia il proprio paesaggio mentale.  I due amici salgono e scendono i versanti del ricordo facendo riaffiorare citazioni di Thoreau, Twain, Hemingway. Ad abitare la scena con loro, la montagna sussurra, carezza, echeggia. La dimensione scenica è sospesa fra umano e sovrumano. Il rimbombo di una lamiera, le note ipnotiche di un pianoforte, fonti di luce fredda rievocano acqua, ghiaccio, tuono. La sfida di tornare al corpo e cercare la via della trascendenza lontano dagli orpelli con cui riempiamo i nostri silenzi».

Ha rilevato Paolo Cognetti: «La storia smontata e rimontata dà un senso di vertigine, così la nostalgia che c’era nel libro diventa un’ossessione del passato. Mi piace molto come le mie parole sono state distillate e che la storia sia raccontata in un altro modo, che ha più a che fare con la memoria».

TEATRO ELFO PUCCINI, corso Buenos Aires 33, Milano – Mart./Sab. ore 19.30; dom. ore 15.30 – Prezzi: intero € 33 / giovani e anziani €17,50 / online da € 16,50 – Biglietteria: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.org

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close