“Ghita, storia della Fornarina” al Teatro Elfo Puccini – Sala Bausch

5/8 aprile, ore 19.30

GHITA, storia della Fornarina

(in forma di lettura scenica)

regia Giacomo Ferraù

con Giulia Bellucci

drammaturgia Simone Faloppa, Giulia Viana con il contributo di Giulia Bellucci e Giacomo Ferraù

con il sostegno di AMAT / Comune di Urbino

organizzazione Elisa Binda

ringraziamenti Tindaro Granata

L’anima sua indubitamente se n’è ita a contemplare quelle celesti fabbriche 

che non patiscono oppositione alcuna, ma la memoria et il nome restarà qui in terra

 et ne lo pensiero e nelle menti de li huomini dabbene longamente.

(Marco  Antonio Michiel, 11 APRILE 1520)

La notte tra il 6 ed il 7 Aprile di 500 anni fa, il mondo perdeva il divino pittore Raffaello Santi. Era un Venerdì Santo. Forse questa somiglianza con la morte di Gesù Cristo, forse la sua sepoltura nel Pantheon, unitamente al mondo artistico perfetto e sterminato che l’Urbinate ha regalato a tutte le generazioni successive, forse tutte queste cose insieme, hanno conferito al Pittore un’aura leggendaria simile a quella di una divinità. Accanto a lui, però, non vi è traccia di quella che, nella sua biografia o forse nella realtà, è stato il più grande amore: Margherita Luti, nota al grande pubblico come la Fornarina. Sarà proprio lei, la sua storia, a regalarci uno sguardo più “umano” del divino pittore.

Ghita racconta un Raffaello inedito, umano, preda delle passioni, diviso, combattuto tra la carnalità dell’incontro amoroso e la sacralità più assoluta dell’arte. Il Dio mortale (cit. Giorgio Vasari) visto attraverso gli occhi di Margherita Luti, l’ultima amante e sicuramente la più famosa: La Fornarina.

Ghita racconta di un amore assoluto e potentissimo. Amore e morte insieme. Un sentimento universale mai completamente risolto, una perdita che non è lecito piangere, se non nel silenzio di un convento. Le lacrime agli occhi di Ghita, di fronte alla tomba del proprio amore scomparso appena 37enne. L’urlo di dolore che le lacera le viscere, quando vede che accanto al nome del suo amore, hanno inciso nella pietra il nome di una donna che non ha mai amato; e non il suo.   La corsa di Ghita attraverso la città, derisa ed allontanata da tutti, preda della rabbia ed accecata del dolore. La sua scelta di chiudere il mondo fuori dalla porta del convento, o forse di chiudere sé lontano dal mondo. In ogni caso, la scelta di galleggiare nel bianco, per dimenticare i colori troppo accesi di un amore finito. Il convento dove lentamente, anno dopo anno, Ghita si spegne. Con i lunghi capelli bianchi che le scendono sulle spalle. Bianchi come la farina del forno in cui è cresciuta.

TEATRO ELFO PUCCINI, sala Bausch      

corso Buenos Aires 33, Milano         

Prezzi: intero € 33 / rid. giovani e anziani €17,50  

online da € 16,50 – Info e prenotazione: tel. 02.0066.0606

biglietteria@elfo.org

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close