“L’ultimo animale” al Teatro i

Al via la seconda parte della stagione 2021/2022 di Teatro i:

primo appuntamento con “L’ultimo animale”, scritto e diretto da Caterina Filograno

in scena dal 30 marzo al 10 aprile

con Francesca Porrini, Alessia Spinelli, Emilia Tiburzi, Anahì Traversi, Carlotta Viscovo

Al via la seconda parte della stagione 2021/2022 di Teatro i, dopo la pausa di gennaio e febbraio: dal 30 marzo al 30 giugno, il teatro diretto dalla drammaturga Francesca Garolla, dall’attrice Federica Fracassi e dal regista Renzo Martinelli riapre le porte al pubblico. Attese tre nuove produzioni, la call rivolta a giovani registi finalizzata alla realizzazione di tre mises en espace, e la seconda edizione della call per autori emergenti, all’interno del progetto Pubblicazioni. Torna l’appuntamento online con Emersioni – Dialoghi tra attrici, condotto da Federica Fracassi, con la partecipazione delle attrici protagoniste delle nuove produzioni.

Primo appuntamento, mercoledì 30 marzo alle 19:30 (in scena fino al 10 aprile), con il debutto de L’ultimo animale, dell’autrice e regista Caterina Filograno che dirige le attrici Francesca Porrini, Alessia Spinelli, Emilia Tiburzi, Anahì Traversi, Carlotta Viscovo. Il lavoro nasce da un’indagine sul bacio di Giuda, tematica che la Filograno ha affrontato assieme a Linda Dalisi e Letizia Russo all’interno della prima fase del concorso di drammaturgia indetto da Antonio Latella per Biennale College 2018. Il rapporto di amicizia tra Gesù e Giuda, e il conseguente tradimento di quest’ultimo, portano a interrogarsi sulla natura di quel tradimento: esso era forse generato dal troppo amore che scatenò l’invidia? Ma cos’è il tradimento all’interno di una amicizia? Quali sono i confini tra l’amicizia e l’amore?  

Protagoniste dello spettacolo sono Cristi e Giudi. Cristi vive in affitto a casa di Giudi, sua migliore amica. Il rapporto tra le due ragazze si incrina negli anni soprattutto per via di un buco che occupa una parete della camera di Cristi, e che Giudi si è sempre rifiutata di far riparare. Quel buco è abitato. E saranno proprio i suoi abitanti a fungere da motore della storia.

“Questo spettacolo ha due focus: la lotta di classe e il disagio del femminile. Per quanto riguarda il secondo punto, io mi ritengo una femminista. Vivo in un paese con una radicata cultura patriarcale. Ed è perciò necessario esporci e combattere in ogni modo e con ogni mezzo la mentalità machista che governa l’Italia. Ma in modo vero e non con il politicamente corretto (che secondo me troppo spesso diventa una lotta finta e ipocrita). Questo spettacolo è il mio urlo di Munch nei confronti di questa società. Le paure che ho, le mie insicurezze, le mie ansie, il mio sentirmi a disagio quando non ho un fidanzato, sono tutte inquietudini indotte dalla società in cui mi trovo e desidero esporle e raccontarle attraverso questo spettacolo.”

Caterina Filograno

Il testo di Caterina Filograno è stato segnalato dal Comitato di esperti e dal Comitato di spettatori nell’ambito della prima call del progetto Pubblicazioni di Teatro i dedicata alla drammaturgia emergente.

Lo spettacolo verrà preceduto da un appuntamento online in diretta Facebook (www.facebook.com/teatroi.milano), martedì 22 marzo alle 19.30, per l’edizione 2021-2022 di Emersioni- Dialoghi tra attrici, che la scorsa stagione ha avuto tanto riscontro di pubblico e di critica. Protagoniste Francesca Porrini, Alessia Spinelli, Emilia Tiburzi, Anahì Traversi e Carlotta Viscovo, modera Federica Fracassi.

Scegliere di dare parola, nell’emergenza di questo tempo nuovo e difficile, a donne emergenti che stanno scommettendo sul lavoro della scena, significa dare visibilità e piena parola a coloro che stanno muovendo i primi passi nel teatro, per raccontare i sentieri più profondi e meno scontati della loro ricerca appena iniziata, ma già così ricca, unica e multiforme, mettendole a confronto con esperienze che differiscono per generazione, ma che a volte possono avere sintonie estetiche o di percorso.

CATERINA FILOGRANO

Caterina Filograno nasce a Bari nel 1990. A 23 anni si laurea in legge. Segue seminari di recitazione inglese presso la Guildhall e la Royal Central School di Londra. A ventisette anni si diploma presso la Scuola del Piccolo Teatro. Dopo il diploma studia con Lucia Calamaro e con Daria Deflorian. Nel corso del 2017 Interpreta Selva in Uomini e No, regia di Rifici al Piccolo, per due anni successivi. Nel 2018 lavora in Choròs, spettacolo di teatrodanza di Alessio Romano. È la Madre nei Sei personaggi in cerca d’autore, regia di Emiliano Masala al Lac. Scrive Potrei amarvi tutti col quale vince, assieme alla compagnia La Tacchineria (da lei cofondata) il premio Pancirolli. Lavora come autrice con Fausto Paravidino in Playstorm, progetto di ricerca drammaturgica finanziato dallo Stabile di Torino. Scrive per l’associazione Ins’cena Provate voi a fare il primo passo, con debutto a Bari alla sala Showville. Nell’anno 2019 Potrei amarvi tutti va in scena a Campo Teatrale. Caterina recita in Jackie di Elfriede Jelinek, per la regia di Alan Alpenfelt al Lac. È selezionata nella prima fase del concorso per autori indetto da Latella per Biennale College, dove lavora con Letizia Russo e Linda Dalisi. Lì inizia a scrivere L’ultimo animale. Nel 2020, con Potrei amarvi tutti e L’ultimo animale, Caterina ottiene la menzione speciale nel concorso Pubblicazioni di Teatro i. Scrive Stanze, prod. Elsinor, corto che viene proiettato al Sala Fontana di Milano. È attrice per Andrea Chiodi nella Locandiera. Durante l’estate è assistente alla regia di Licia Lanera ne I sentimenti del maiale. Nel 2021 Caterina viene selezionata da Martin Crimp nel suo seminario di drammaturgia Past present remix in Biennale College Blue Edition. È semifinalista al Premio Scenario con uno studio su Anche in casa si possono provare emozioni forti, il suo ultimo testo. Con lo stesso progetto è selezionata nel festival Primo Amore a Cittadella. Recita nel ruolo di Ermia in Sogno di una notte di mezz’estate, per la regia di Chiodi al Lac. È Nina nel Gabbiano di Licia Lanera. Sarà nuovamente attrice per Licia Lanera in James.

Dal 30 marzo al 10 aprile 2022

L’ULTIMO ANIMALE

drammaturgia e regia Caterina Filograno

con Francesca Porrini, Alessia Spinelli, Emilia Tiburzi, Anahì Traversi, e Carlotta Viscovo

assistente alla regia Sebastian Luque Herrera

costumi Giuseppe Di Morabito

progetto audio/video Francesco Emmola

consulenza al movimento Aurelio Di Virgilio

spettacolo inserito in Invito a Teatro

una produzione Teatro i

Teatro i

Via Gaudenzio Ferrari 11, Milano

02.8323156

www.teatroi.org

PREZZI

Intero | 20 euro

Convenzionati | 14 euro

Under 26 / Studenti | 13 euro

Scuole di teatro | 13,50 euro

Over 65 | 10 euro

Amici di i | 5 euro sulla seconda replica e 12 euro per tutte le altre repliche

Giovedì vieni a teatro in bicicletta | 9 euro

ORARI

Lunedì, Giovedì, Venerdì ore 21

Martedì chiuso

Mercoledì, Sabato ore 19:30

Domenica ore 17

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close