“Uno spettacolo per chi vive in tempi di estinzione” al Teatro Studio Melato

(Foto di Masiar Pasquali)

Dal 3 al 27 marzo al Teatro Studio Melato

Uno spettacolo per chi vive in tempi di estinzione

Una nuova produzione del Piccolo Teatro di Milano

per ragionare sulla sostenibilità del fare teatro

Dal 3 al 27 marzo, al Teatro Studio Melato, va in scena Uno spettacolo per chi vive in tempi di estinzione, tratto dalla pièce dell’americana Miranda Rose Hall, reinterpretato in Italia da lacasadargilla/Lisa Ferlazzo Natoli, a partire dal progetto per il Théâtre Vidy-Lausanne della regista britannica Katie Mitchell.

Dopo la Stagione estiva 2021 “Ogni volta unica la fine del mondo”, si comincia a tracciare, con questo spettacolo, il percorso progettuale del Piccolo Teatro di Milano con gli “artisti associati” lacasadargilla e Marco D’Agostin. Il testo dello spettacolo è pubblicato da Il Saggiatore nella nuova collana editoriale del Piccolo Teatro di Milano.

«La differenza tra morte ed estinzione è questa: la morte è scomparire, l’estinzione è smettere di esistere». Sono le parole di Noemi, protagonista di Uno spettacolo per chi vive in tempi di estinzione, una «donna che ha paura della morte, drammaturga, sui 40 anni», che ragiona con il pubblico di origini, lasciti e sopravvivenze.Il testo rimemora le cinque grandi estinzioni che hanno modificato la vita sulla Terra, misurandone il tempo profondo, di generazione in generazione, per arrivare alla singolarità della sesta, velocissima e letale, fine del presente per come lo conosciamo. Un catalogo di specie estinte o quasi, per restituire nome e ‘presenza’ a tutte le forme di vita che stanno scomparendo; perché il tempo dell’uomo, un battito d’ali paragonato alla vita della Terra, rischia di cancellare per sempre l’eredità di tutto il creato. Pipistrelli bruni, gechi marmorizzati o cipressi delle Guadalupe, tutte specie sull’orlo di un’estinzione di massa di cui basterebbe anche solo ricordare i nomi per cominciare a prendersene cura.

Una narrazione di fratture nel tempo e nello spazio, affidata all’attrice Ester Elisha, incorniciata – a incarnare la riflessione principe sul tempo profondo che attraversa tutto lo spettacolo – da un coro misto di uomini e donne di età diverse, con una maggioranza di corpi “anziani”, non professionisti, appartenenti a otto realtà musicali attive sul territorio milanese che, attraverso una partitura “corpuscolare” di voci e gesti armonizzata da Marco D’Agostin, restituiscono la trama della memoria, il ritmo delle generazioni, il passo lento e inesorabile del tempo, unendo in un unico respiro, per un istante, l’intera comunità nuovamente (e finalmente) riunita a teatro. Nell’emiciclo del Teatro Studio Melato, lo spettacolo si alimenta dell’energia prodotta, dal vivo, da quattro biciclette azionate da ciclisti, anche questi non professionisti, e costantemente misurata da display posizionati sul palcoscenico. Produzione e consumo di energia sono completamente a vista. Grazie alle ricerche e alla sperimentazione del collettivo PedalPower è stato tracciato un vero e proprio ‘copione energetico’ per calcolare la quantità di energia producibile e traducibile in luce e suono ed amalgamarvi, di conseguenza, la drammaturgia. Così come i 41 coristi (16 in scena ogni sera), anche i ciclisti legano lo spettacolo al tessuto metropolitano, radicandolo profondamente nel territorio.

Giocando con i numeri, uno spettacolo teatrale consuma mediamente tra i 30.000 e i 150.000 watt, come un condominio di 100 appartamenti completamente illuminato o una grande nave da crociera. Questo spettacolo vive con 240 watt. Ogni sera, inoltre, le quattro biciclette percorrono insieme, idealmente, poco più di 100 Km. Come se, pur stando ferme, percorressero, nelle 22 recite milanesi, quasi 2500 Km,un viaggio ideale da Milano a Marrakech.

Allestita a partire da un progetto per il Théâtre Vidy-Lausanne della regista britannica Katie Mitchell – che della difesa dell’ambiente ha fatto uno dei cardini della sua opera – la pièce dell’americana Miranda Rose Hall (Baltimora, 1990) porta in scena il dibattito sul cambiamento climatico, sul rapporto con la morte e la vita come responsabilità e dono. In Italia, lo spettacolo è reinterpretato da lacasadargilla/Lisa Ferlazzo Natoli con un lavoro minuzioso sul lessico, l’interpretazione e l’immaginario scenico, sonoro e visivo evocato dal testo, pur nel rispetto del concept originario.

(Foto di Masiar Pasquali)

Un poderoso lavoro collettivo e d’ensemble – come nella tradizione de lacasadargilla – che vede all’opera – accanto alla regista Lisa Ferlazzo Natoli e a Ester Elisha in scena – Margherita Mauro, che ha curato traduzione e drammaturgia, Alessandro Ferroni per l’ideazione dell’ambiente scenico e dei paesaggi sonori, Luigi Biondi per il lavoro sottile delle luci, Maddalena Parise per l’immaginario scenico e visivo, Marco D’Agostin per la cura del movimento, Gianluca Ruggeri per la composizione della partitura musicale del coro, Livia Brambilla per la preparazione del coro, Alice Palazzi e Caterina Dazzi per il prezioso coordinamento generale come assistenti all’intero progetto.

Nel solco dei nuovi orizzonti progettuali europei della Fondazione Piccolo Teatro di Milano, attraverso Uno spettacolo per chi vive in tempi di estinzione, il Piccolo e la comunità dei suoi spettatori parteciperanno a Forestami, programma di riforestazione dell’area metropolitana di Milano: parte degli incassi dello spettacolo saranno infatti investiti nell’acquisto, posa e manutenzione di alberi che saranno piantati in una delle zone interessate dal progetto.

Il Piccolo Teatro di Milano, inoltre, con questo spettacolo e spegnendo le insegne esterne delle tre sale, venerdì 11 marzo, aderisce a M’illumino di Meno, la Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili di Caterpillar e Rai Radio2 con Rai per il Sociale.

Sustainabletheatre?

A play for the living in a time of extinction è il primo capitolo del progetto Sustainabletheatre?ideato da Katie Mitchell, Jérôme Bel, Théâtre Vidy-Lausanne, in collaborazione con il Centro di competenza in sostenibilità dell’Università di Losanna. I due artisti, insieme al Théâtre Vidy-Lausanne, hanno immaginato una creazione teatrale di respiro internazionale che osservasse criteri di sostenibilità sia nei contenuti che nei processi produttivi, nell’ottica del risparmio energetico e di CO2 e della riduzione dello spreco produttivo. Questa collaborazione innovativa tra artisti e istituzioni – il progetto ha coagulato intorno a séi principali teatri europei – sfida il tema della sostenibilità in teatro, sia sul palco che nel modo in cui vengono prodotti gli spettacoli, dalle prove alle tournée e ai rapporti con i co-produttori. Un esperimento ambizioso, per la sua visione globale che intreccia aspetti economici, sociali, culturali e ambientali, che si propone di ridisegnare l’idea di produzione e distribuzione di una performance: i partner, infatti, sono chiamati a reinterpretare le creazioni originarie in “versioni locali” realizzate con risorse proprie e in ottica sostenibile. Lo spettacolo non viaggia più fisicamente ma sotto forma di script ed è ricreato in ogni teatro partner da un’équipe locale, in una sorta di ideale geografia creativa e condivisa. A Milano, sotto la guida del Piccolo Teatro, saranno Lisa Ferlazzo Natoli e Marco D’Agostin a reinventare le due produzioni di Mitchell e Bel, rispettivamente nel marzo 2022 e nel gennaio 2023.

Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli, 6 – M2Lanza), dal 3 al 27 marzo 2022

Uno spettacolo per chi vive in tempi di estinzione

testo* Miranda Rose Hall

concept di produzione e regia originale Katie Mitchell

drammaturgia originale NtandoCele

concept per l’Italia lacasadargilla

traduzione e drammaturgia italiana Margherita Mauro

regia Lisa Ferlazzo Natoli, con Esther Elisha

scene/allestimento e suono Alessandro Ferroni, luci Luigi Biondi, immagini Maddalena Parise

composizioni per il coro Gian Luca Ruggeri, cura del movimento Marco D’Agostin

preparazione coro Livia Brambilla con la collaborazione di Giovanna Ferrara, Filippo Maria Tuccimei

e con i coristi Silvia Baldini, Luca Bardi, Pieranna Borio, Livia Vittoria  Brambilla, Elsa Angela Brambilla, Annamaria Caporusso, Francesco Cigada, Alessia Coari, Nicola Coccia, Laura Angela Corona, Bianca Maria  DacomoAnnoni , Ruggero Dimiccoli, Giovanna Maria  Ferrara, Anna Fiorini, Giovanni  Granata, Angelo Maffezzoli, Matteo Maraone, Giuseppe Martini, Gabriella  Martino, Angela Leonarda Masala, Fraco  Mazzarella, Natale Minchillo, TzvetanaMomtcheva, Claudia Morelli, Bruno Morelli, Daniela Nannavecchia, DiyanaIvanovaPashova, Nicoletta Camilla Pedraglio , Cornelia Pelletta, Letizia Pepori, Roberta Piloni, Federico Russo, Gianbattista Sassera, Carlantonia Sassi, Gabriella Taraborrelli, Filippo Tuccimei, Gianmario Tumiati, Ornella Vinci, Valentina Volonté, Roberta Zanuso, Alessandro Zemella

aiuto regia Alice Palazzi, assistente alla regia Caterina Dazzi

impianti ciclo-elettrici PedalPower Milano – Chiara Mazzatorta

ciclisti Tazio Airaghi, Luigi Aliverti, Milo Cuniberto, Daniele D’Aquila, Francesco Lionetti, Angelo Lisco

produzione Piccolo Teatro di Milano -Teatro d’Europa

Si ringrazia Missoni

Lo spettacolo è il primo capitolo del Progetto “Sustainabletheatre?”

concept Katie Mitchell, Jérôme Bel, ThéâtreVidy-Lausanne

in collaborazione con il Centro di competenza in sostenibilità dell’Università di Losanna.

Viaggia sotto forma di script ed è ricreato in ogni teatro partner da un’équipe locale.

Produzione Théâtre Vidy-Lausanne, R.B. Jérôme Bel, Rete dei Teatri in Transizione: DramatenStockholm, MC2: Maison de la culture de Grenoble, National Theater & Concert Hall, Taipei, NTGent, Piccolo Teatro di Milano -Teatro d’Europa, Teatro Nacional D. Maria II, Théâtre de Liège, Lithuanian National Drama Theatre, National Theatre of CroatiaZagreb, Slovene National Theatre Maribor, Trafo

(Foto di Masiar Pasquali)

*A PLAY FOR THE LIVING IN A TIME OF EXTINCTION

La prima mondiale della versione originale del testo è stata prodotta dal Baltimore Center Stage (Stephanie Ybarra, direttrice artistica/Michael Ross, direttore esecutivo).

La pièce è stata commissionata e sviluppata da LubDubTheatre Company, CaitlinNasemaCassidy e GeoffKanick, co-direttori artistici, Robert Duffley, Dramaturg.

È stata sviluppata, in parte, con l’aiuto dell’Orchard Project (www.orchardproject.com), Ari Edelson, direttore artistico.

Orari: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì e venerdì, ore 20.30;domenica, ore 16. Lunedì, riposo.

Durata: 75 minuti senza intervallo

Prezzi: platea 40euro, balconata 32euro

Informazioni e prenotazioni 02.21126116 –piccoloteatro.org

Categorie comunicato stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close