Stagione teatrale 2019/2020 Teatro Menotti – comunicato stampa

logo18R

Cantiere Menotti LA STAGIONE 2019 | 2020

La Stagione 2019/20 del Teatro Menotti, festeggia il cinquantenario (1969/2019), proponendo un emozionante cartellone che punta, tra diversi generi e contaminazioni di prosa, musica, danza e poesia, a un teatro d’emozione, con un particolare sguardo rivolto al teatro internazionale.

16 titoli tra produzioni e spettacoli ospiti, di cui 11 per la prima volta a Milano, 2 prime nazionali, 3 spettacoli internazionali. E ancora 1 Festival di narrazioni e contaminazioni (Talkin’ Menotti-quarta edizione), 1 Festival di teatro off americano (On Stage! Festival) 1 premio teatrale (Scintille 2020) rivolto alle giovani compagnie under 35, 1 stagione di teatro per l’infanzia e le famiglie per oltre 170 alzate di sipario.

Questa è la stagione del nostro cinquantenario (1969/2019), ma è anche la stagione in cui il sogno di salvare il Teatro Menotti sembra essersi avverato. Noi non smetteremo mai di sorprenderci attraverso i racconti, i suoni, le visioni, del nostro tempo e le parole del passato che ci parlano ancora della nostra vita. Per questo la stagione 2019/2020 sarà piena di emozioni: le straordinarie perfomances delle compagnie internazionali di teatro visivo con le maschere dei Familie Floez, il Buster Keaton nordico di Jakop Ahlbom, e gli incredibili e irresistibili “ballerini” dei Chicos Mambo; una tenera e forte Medea, uno stralunato Don Chisciotte, il mondo colorato degli Uccelli di Aristofane, il viaggio molto divertente intorno al pianeta Shakespeare. E ancora “storie” ed “altre storie” tra le atmosfere noir di Annibale Ruccello, le storie di mafia di Claudio Fava e le “narrazioni” di Marco Baliani. Non mancherà, come non è mai mancato, l’omaggio a quella Milano così amata, quella di Giorgio Gaber, Dario Fo e delle osterie milanesi di cento anni fa, tra musica, comicità e poesia. Uno spazio lo dedicheremo poi al teatro americano contemporaneo, ad un progetto che coinvolgerà i ragazzi delle scuole, impegnati in scena in un giallo a tinte forti tra bullismo e perdita di coscienza, ad un intero festival di narrazioni e contaminazioni.

Noi rimarremo ancora a difendere questo piccolo grande spazio di poesia ed emozioni, tra la città che cambia, i palazzi sempre più alti, la tecnologia invadente. I teatri non devono chiudere. Mai!

LE PRODUZIONI

Prodotto da TieffeTeatro, Notturno di donna con ospiti (8/13 ottobre) di Annibale Ruccello con Arturo Cirillo diretto dal giovane regista Mario Scandale, con un originale approccio meta teatrale alla storia di Adriana che in una mostruosa notte scivolerà nella follia, fino a uccidere i propri figli.

Notturno di donna-Scandale.JPG

(Notturno di donna)

Si proseguirà con la prima milanese di Medea di Euripide (17/27 ottobre) regia di Emilio Russo, spettacolo realizzato per il 72° ciclo di spettacoli classici al Teatro Olimpico di Vicenza. Un classico che veste gli sguardi, i gesti, la voce di un’attrice di grazia, passione e talento come Romina Mondello, capace di tramutare intensità in essenzialità, di toccare la terra e guardare il cielo, di sedurre implicitamente ed esplicitamente uomini e dei per costruire un personaggio multidimensionale, che saprà essere sorprendentemente fuori dagli schemi.

Coprodotto con Infinito Srl, Coppia aperta quasi spalancata (19/24 novembre), un classico Fo/Rame con protagonista Chiara Francini, una commedia all’italiana che racconta la tragicomica storia di una coppia di coniugi, figli del sessantotto e del mutamento della coscienza civile del bel paese, per la regia di Alessandro Tedeschi.

Sarà la volta poi di Trainspotting (3/8 dicembre), un viaggio allucinogeno, un trip adrenalinico e alienante per la regia di Sandro Mabellini. Un viaggio in cui quel nichilismo post- thatcheriano degli anni ’90, rischia di raccontarci un percorso esistenziale ancora attualissimo, mai finito, in procinto di riversarsi come uno tsunami sulla nostra generazione.

Trainspotting

(Trainspotting)

Dopo il successo della scorsa stagione, torna Trattoria Menotti (12/31 dicembre), regia di Emilio Russo, un teatro svuotato da poltrone, quinte, sipari e palcoscenico che evoca le atmosfere anni ’60 della cartolina di una città ormai scomparsa, conviviale e condivisa.
Il pubblico se lo vorrà potrà bere, mangiare i piatti tipici della tradizione lombarda, partecipare, ma anche solo guardare ed ascoltare per un viaggio emozionale ricco di suggestioni e sorprese.
Un altro gradito ritorno, Uccelli (26 febbraio/8 marzo) di Aristofane regia di Emilio Russo, vincitore del premio nazionale Franco Enriquez, sezione migliore adattamento e regia. Il racconto/viaggio dei due “profughi” alla ricerca della città e della vita ideale attraverso diversi linguaggi, dal teatro d’ombre, al canto, al movimento all’interno di una scenografia che richiama gli spalti di un teatro antico, specchio della platea reale in un gioco ad incastro tra il tempo e lo spazio.

UCCELLI

(Uccelli)

Tutto Shakespeare in 90 minuti (12/22 marzo), una sfida teatrale ai limiti dell’incredibile: come condensare l’opera omnia del Bardo, 37 opere, in 90 minuti? O raccontare l’‘Amleto” in 43 secondi? Ci proveranno Fabrizio Checcacci, Roberto Andrioli e Lorenzo Degl’Innocenti.

A seguire la prima nazionale Mater dulcissima (26 marzo/5 aprile) per la regia di Alessandro Averone, spettacolo liberamente ispirato alla vita di Leonarda Cianciulli che, a quasi cinquant’anni dalla morte, resta una delle figure più affascinanti e controverse della cronaca nera della storia recente. Per molti, la «saponificatrice di Correggio» incarna ancora lo stereotipo della strega, della megera, il ritratto del diavolo in persona.La Stagione 2019/20 si concluderà con un’altra nuova produzione, firmata da TieffeTeatro, Far finta di essere sani (4/21 giugno), di Giorgio Gaber per la regia di Emilio Russo e in collaborazione con la fondazione Giorgio Gaber.

LE OSPITALITÀ

I riflettori si accenderanno sul palco del Teatro Menotti con 66/67 (1/3 ottobre), un suggestivo progetto musicale nato dall’unione artistica tra Alessio Boni e Omar Pedrini. Brani potenti ed emozionali della storia della musica, letti e cantati, che dagli anni ‘60 ad oggi hanno composto la colonna sonora della vita di tanti.La prima edizione di On Stage!Festival (5/7 novembre) porta a Milano uno spaccato di teatro indipendente americano: Dirty Paki Lingerie, un lavoro che parla di sesso, religione e politica in collisione e La ragazza (The Girlfriend) con un testo che ruota intorno al concetto di responsabilità personale raccontando un inquietante rapporto fra compagni di college.Un Don Chisciotte (12/17 novembre) complottista e naif quello di Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi, una scrittura originale che prende ispirazione dallo spirito dell’opera di Cervantes, scagliando una volta di più la simbologia di questo ‘mito’ contro la nostra contemporaneità.Sul palco un cast di ragazze e ragazzi delle scuole secondarie di Milano per interpretare La notte è dei Fantasmi (28/29 novembre), un progetto di Eleonora Pippo. Un karaoke racconta la storia di un festino di tredicenni ripreso da telecamere nascoste. Un ragazzino spregiudicato vende la diretta streaming a un sito di guardoni. Ma la notte appartiene ai Fantasmi: tre teppisti più uno spirito vero irrompono nella festa e costringono i ragazzi a guardare dritto in faccia la paura più̀ profonda.

Il mio nome è Caino (14/19 gennaio), ispirato all’omonimo romanzo di Claudio Fava, con Ninni Bruschetta, è specchio dinamico e lucido dell’essere e del fare mafioso e si intreccia alle musiche, composte ed eseguite dal vivo dalla pianista, compositrice e direttore d’orchestra Cettina Donato.

CAINO-Ninni Bruschetta, primo piano

(Il mio nome è Caino)

Focus Baliani (28 gennaio/9 febbraio), dalla narrazione alla post narrazione, una ricerca sulla oralità di Marco Baliani, uno dei massimi esponenti del teatro di narrazione. Ben 7 titoli: Corpo di stato, Tracce, Del coraggio silenzioso, Kohlhass, Frollo, Trincea, Una notte sbagliata. Dal 15 aprile al 10 maggio torna la rassegna di narrazione e contaminazione Talkin’Menotti quarta edizione, con spettacoli che mescolano i vari linguaggi teatrali, offrendo al pubblico una varietà emozionante di titoli e personaggi.

Spazio alle compagnie under 35 con il premio Scintille (25-26 giugno) giunto alla undicesima edizione.

Da ottobre a marzo Realtà Debora Mancini presenterà la stagione per bambini, famiglie e scuole CON TUTTI I SENSI_Emozioni per tutto l’anno, una rassegna di teatro e musica, con incursioni in tutte le arti.

GLI INTERNAZIONALI

In linea con il teatro delle emozioni sono gli spettacoli internazionali.

Lebensraum (21/24 gennaio) del regista attore e acrobata svedese Jakop Ahlbom, la magia del muto su un palcoscenico teatrale con uno spettacolo divertente e brillante, che si ispira all’universo di Buster Keaton e alla slapstick comedy (le comiche alla Stanlio e Ollio, per intenderci).

Gli straordinari Familie Floez (14/16 febbraio) ritornano al teatro Menotti in versione noir con Hotel Paradiso, un giallo ambientato sulle Alpi, pieno di umorismo, sentimenti travolgenti e un tocco di melanconia, con la carica poetica che li contraddistingue.

La straordinaria compagnia tutta al maschile Chicos Mambo (21/23 febbraio), in scena con il loro ultimo, imperdibile spettacolo, Tutu, che propone una danza en travesti rigorosissima, divertente all’ennesima potenza. Sei interpreti in scena, tra cui l’italiano Vincenzo Veneruso rivisitano in 20 quadri tutti i linguaggi della danza e si prendono gioco, senza alcun tabù e con tanto humor, dei codici della coreografia.

Tuto-Chicos Mambo- MICHEL CAVALCA3.JPG

(Tutu – Chicos Mambo)

UNA COMMUNITY PER IL TEATRO MENOTTI

Una “community” per il Teatro Menotti: un gruppo esclusivo che mette al centro la condivisione di uno spazio e di un pensiero teatrale.

Con l’iscrizione alla Community Menotti si avranno offerte in esclusiva su biglietti di tutta la stagione e gli abbonamenti, la possibilità di partecipare a incontri con artisti, lezione gratuite di teatro e prove aperte dei nostri spettacoli.

Il teatro è condivisione e la community è il suo spazio.

Iscrizione gratuita su teatromenotti.org.

CANTIERE MENOTTI:

PERCHÉ IL TEATRO SI COSTRUISCE INSIEME!

Il Teatro Menotti lancia un nuovo progetto di raccolta fondi dedicato al mondo delle imprese

Dopo il successo della campagna Salviamo il Teatro Menotti a cui hanno aderito 787 persone tramite la campagna di crowdfunding lanciata su Eppela e 82 privati (anche tramite Art Bonus), evitando la chiusura di questo spazio e avviando un percorso per la sua prossima riqualificazione, il Teatro Menotti presenta il progetto Cantiere Menotti: una nuova opportunità pensata appositamente per il mondo imprenditoriale milanese.

Perché Cantiere Menotti? Perché fare Teatro significa ideare, progettare, costruire, una trasformazione sempre in divenire, ma oggi, per il Teatro Menotti, ciò significa anche l’avvio di veri e propri “lavori in corso” per il rifacimento degli spazi del Teatro nei prossimi mesi.

Quando venne inaugurato, nel dicembre 1933, di fronte al Teatro Menotti capeggiava lo slogan “Ambiente moderno. Il più elegante e famigliare del rione“.

Con l’intervento di ammodernamento e riqualificazione, intendiamo riportare il Teatro Menotti a quel precedente splendore e a quell’avanguardia stilistica e funzionale, in cui si respiri contemporaneità e bellezza. Per questo, ci rivolgiamo al tessuto imprenditoriale di Milano, per raggiungere il traguardo e rendere il Teatro un nuovo gioiello per il nostro territorio.

Inserito in un contesto residenziale in totale rinnovamento, il Teatro Menotti risorgerà in un nuovo splendore proseguendo il suo percorso di innovazione, ricerca e divulgazione della pratica performativa e dell’attività teatrale. Uno spazio che sarà in grado di accogliere un pubblico sempre più ampio e variegato, grazie al restyling degli ambienti interni dove poter ospitare nuovi momenti di confronto e attività culturali.

Il Menotti sarà un luogo dove riunire cittadini, sostenitori e partner per la creazione di un unicum vincente sulla scena milanese e nazionale.

Vogliamo spalancare le nostre porte alle realtà imprenditoriali che vorranno abbracciare questo nuovo progetto per costruire e realizzare insieme una vera e propria partnership a sostegno dell’arte, della cultura e della storia di Milano” sottolinea Emilio Russo – Direttore Artistico del teatro.

Partecipare a questo progetto significa vivere davvero da protagonisti il Teatro Menotti, i suoi interpreti e la sua stagione, con tante occasioni e momenti pensati per le imprese, i loro dipendenti e collaboratori, costruendo attività e iniziative durante tutto l’anno.

Aderire al progetto Cantiere Menotti è semplice e, grazie ad Art Bonus, gli aderenti potranno beneficiare anche di un credito d’imposta pari al 65% del loro contributo.

Per informazioni: www.teatromenotti.org/cantiere-menotti

Aderire a Cantiere Menotti è semplice: sarà sufficiente effettuare un bonifico a favore di Teatro Menotti e, grazie ad Art Bonus, si potrà usufruire di un credito d’imposta pari al 65% del contributo.

Ad esempio:

2.500 € (esente IVA e pari a 875 € al netto del credito d’imposta)

10.000 € (esente IVA e pari a 3.500 € al netto del credito d’imposta)

25.000 € (esente IVA e pari a 8.750 € al netto del credito d’imposta)

Per effettuare il bonifico valido ex Art Bonus:

Beneficiario: TIEFFE TEATRO MILANO

IBAN: IT15A0306909606100000166426

Causale: ART BONUS – TIEFFE TEATRO MILANO – C.F. o P. IVA del sostenitore

STAGIONE 2019 | 2020

Cantiere Menotti

PROGRAMMA

1 | 3 ottobreInfinito Srl OSPITALITÀ

66/67 PRIMA MILANESE

Con Alessio Boni e Omar Pedrini

Testi di Alessio Boni e Nina Verdelli

8 | 13 ottobre

TieffeTeatro Milano

in collaborazione con Accademia Silvio D’Amico PRODUZIONE

NOTTURNO DI DONNA CON OSPITI

Con Arturo Cirillo

Regia di Mario Scandale

17 | 27 ottobre

TieffeTeatro Milano

72° Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico di Vicenza PRODUZIONE

MEDEA PRIMA MILANESE

Con Romina Mondello e Alessandro Averone

Regia di Emilio Russo

5 | 7 novembre

ON STAGE!Festival OSPITALITÀ

LA RAGAZZA PRIMA MILANESE

(The Girlfiend)

Dirty Paki Lingerie

12 | 17 novembre

Dirty Paki Lingerie_ph Stefano Corso-5833

(Dirty Paki Lingerie)

Arca Azzurra Produzioni OSPITALITA’

DON CHISCIOTTE PRIMA MILANESE

Con Alessandro Benvenuti e Stefano Fresi

Adattamento e Regia di Davide Iodice

19 | 24 novembre

TieffeTeatro Milano e Infinito Srl COPRODUZIONE

COPPIA APERTA QUASI SPALANCATA PRIMA MILANESE

Con Chiara Francini

Regia Alessandro Tedeschi

Coppia-aperta-Francini.JPG

(Chiara Francini in “Coppia aperta, quasi spalancata”)

28 | 29 novembre

Teatro della tosse

LA NOTTE È DEI FANTASMI OSPITALITÀ

Scritto e diretto da Eleonora Pippo PRIMA MILANESE

3 | 8 dicembre

Tieffe Teatro Milano PRODUZIONE

TRAINSPOTTING

Regia di Sandro Mabellini

12 | 31 dicembre

TieffeTeatro Milano PRODUZIONE

TRATTORIA MENOTTI

(METTI UN TEATRO A CENA)

Scritto e diretto da Emilio Russo

trattoria - photoGianfranco-Ferraro.JPG

(Trattoria Menotti)

14 | 19 gennaio

Maurizio Puglisi OSPITALITÀ IL MIO NOME È CAINO PRIMA MILANESE

Con Ninni Bruschetta

Di Claudio Fava

Regia di Laura Giacobbe

21 | 24 gennaio

Sarah Faye van der Ploeg OSPITALITÀ

LEBENSRAUM PRIMA MILANESE

Scritto e diretto da Jakop Ahlbom

28 gennaio | 9 febbraio

La Casa degli Alfieri e Marche Teatro OSPITALITÀ

FOCUS BALIANI

Con Marco Baliani

14 | 16 febbraio

Familie Flöz, Theaterhaus Stuttgart, Theater Duisburg OSPITALITÀ

HOTEL PARADISO

Regia e scenografia Michael Vogel

21 | 23 febbraio

Cie La Feuille d’Automne OSPITALITÀ

CHICOS MAMBO – TUTU  PRIMA MILANESE

Coreografia e regia Philippe Lafeuille

26 febbraio | 8 marzo

TieffeTeatro Milano PRODUZIONE

UCCELLI

Adattamento e regia di Emilio Russo

12 | 22marzo

La macchina del suono/Argot /TieffeTeatro Milano COPRODUZIONE

LE OPERE COMPLETE DI WILLIAM

SHAKESPEARE IN 90 MINUTI PRIMA MILANESE

(In versione abbreviata)

Uno spettacolo interpretato e diretto da

Roberto Andrioli, Fabrizio Checcacci, Lorenzo Degl’Innocenti

26 marzo | 5 aprile

TieffeTeatro Milano PRODUZIONE

MATER DULCISSIMA PRIMA NAZIONALE

Regia di Alessandro Averone

MaterDulcissima

(Mater dulcissima)

4 | 21 giugno

TieffeTeatro Milano

In collaborazione con Fondazione Giorgio Gaber PRODUZIONE

FAR FINTA DI ESSERE SANI PRIMA NAZIONALE

Di Giorgio Gaber

Regia di Emilio Russo

farfinta

(Far finta di essere sani)

Le sinossi dei singoli spettacoli verranno pubblicati di volta in volta all’approssimarsi della data della loro rappresentazione

Aprile – maggio

Talkin’ Menotti | quarta edizione

25 / 26 giugno

Premio Scintille – Il Teatro in vetrina – undicesima edizione

TALKIN’ MENOTTI

Aprile | Maggio

Il teatro è soprattutto un luogo, dove si ascoltano e si raccontano storie. È un luogo dove, magicamente, le parole si trasformano, prendono forma, peso, colore e suono diverso, riescono ad entrare direttamente nella testa e nel cuore di chi ascolta, senza filtri e senza deroghe. Occorre una buona storia e qualcuno che la sappia raccontare, restituendo curiosità e passione. Storia e storie, quindi, per un festival variegato, come nella cifra di Tieffe Teatro, studiato proprio per combinare il repertorio della prosa con incursioni teatrali di protagonisti della scena culturale italiana, con la musica, con la letteratura, con la poesia e con spettacoli adatti a sperimentare nuovi percorsi, nuovi linguaggi e stili diversi, in grado di appassionare il pubblico affezionato e di attrarne di nuovo, capace di tessere relazioni tra le persone, avvicinando le generazioni con uno sguardo di attenzione alle nuove scene. 

È da tempo che cerchiamo una definizione nel non definibile, una struttura a ciò che non è strutturato, un contenitore aperto nei quattro lati. Tutto questo e molto altro si trova nel progetto di un festival arrivato alla quarta edizione, che diventa più che altro una festa, alla quale sono invitati tutti quelli che pensano che il teatro sia anche un luogo, privilegiato, molto privilegiato, dove ricercare strade artistiche ed espressive differenti, tirare fuori dai cassetti idee mai realizzate, storie mai raccontate. Insomma dimenticarsi del consueto ed accettare di camminare sul filo del possibile. Abbiamo scelto il titolo Talkin’ Menotti proprio per sottolineare l’andamento di un lungo blues in un intreccio tra parole e musica in libertà.  (Emilio Russo)

Tra gli ospiti previsti (Aprile e Maggio) nel festival in una programmazione in divenire:

Compagnia Controluce BUTTERFLY BLUES

Compagnia della Fortezza IL FIGLIO DELLA TEMPESTA

Compagnia Skenè  LA FORTUNA e UBU ROI

Teatro Kismet ANFITRIONE

La Fura dels Baus/Ulderico Pesce/Tieffe LA BELLA VERGOGNA

Area M – Area Musica 2019

14ottobre
Area M Città Studi Sound

ELISABETTA ANTONINI QUARTET–MY NAME IS ANITA

Voce Elisabetta AntoniniPianoforte Dado MoriniContrabbasso Francesco PuglisiBatteria Nicola Angelucci

My Name is Anita è un progetto squisitamente dedicato alla grande cantante Anita O’Day di cui quest’anno si celebra il centenario dalla sua nascita. Dotata di un talento ritmico straordinario, combinato ad un temperamento brillante e anticonvenzionale, Anita O’Day non solo è riuscita a conquistarsi uno spazio al fianco delle più grandi voci afroamericani della storia del jazz, collaborando con grandi orchestre e sezioni ritmiche straordinarie, ma ha fortemente contribuito all’evoluzione del jazz vocale. Grazie alle sue interpretazioni assolutamente originali degli standard, il cantante jazz si potuto sdoganare dallo stereotipo patinato del “canarino”, semplice orpello dell’orchestra, per diventare protagonista della situazione musicale e, al pari degli strumentisti, fare dell’interplay con la sezione ritmica l’elemento fondate della propria espressività. Al fianco di Elisabetta Antonini, il grande pianista Dado Moroni insieme al solido Francesco Puglisi e al raffinatissimo Roberto Gatto, la cui storia musicale e le collaborazioni con protagonisti della scena americana li rende particolarmente adatti a ripercorrere la storia della grande interprete e a raccontare il suo mondo musicale, tanto classico quanto elegante. Arrangiatrice e compositrice, unica artista italiana a firmare con la prestigiosa etichetta londinese Candid per il suo ultimo lavoro The Beat Goes On, l’omaggio alla Beat Generation recentemente presentato a Tokyo e con cui ha vinto il Top Jazz 2014 della rivista Musica Jazz come Miglior Nuovo Talento, Elisabetta Antonini ha da sempre portato avanti una ricerca creativa attraverso progetti innovativi e originali, collaborarando al fianco di Paul McCandless, Kenny Wheeler, Paolo Damiani, Vassilis Tsabropoulos, Maurizio Giammarco, Javier Girotto, Paolo Fresu.

28|30 ottobre

Area M Città Studi Sound

TO BE OR NOT TO BOP – Omaggio a Dizzy Gillespie

Voce recitante Corrado D’Elia

Tromba Giovanni Falzone

Area M Orchestra 9 elementi, diretta da Giovanni Falzone

Nel 1989, al culmine della sua popolarità e influenza sul mondo del Jazz del tardo 900, Dizzy Gillespie si trova a Londra con la United Nations Orchestra da lui costituita con alcuni dei migliori solisti e strumentisti al mondo. Passeggiando per Hyde Park, Dizzy incontra una ragazza che aveva allestito un banchetto dove vendeva piccoli busti di Shakespeare con la scritta “To Be Or Not To Be”, dal celebre monologo di Amleto.Scherzando, Dizzy suggerisce alla ragazza di correggere la dicitura in “To Be or not to Bop” che, prontamente, ella sostituisce il giorno dopo con la scritta consigliata da Gillespie. Se non sei te stesso, non puoi essere bop… Più o meno la traduzione del calembour, che rievoca e valorizza il linguaggio innovativo del jazz – detto Be Bop – da lui ideato insieme a Charlie Parker, Bud Powell e Kenny Clarke, che avrebbe rivoluzionatola scrittura musicale e l’esecuzione nell’ambito del jazz americano e del mondo. Prende così forma il titolo dell’autobiografia scritta dal grande trombettista, band leader e compositore di Cheraw (North Carolina), in collaborazione con Al Fraser, nella quale Dizzy racconta la sua infanzia, il suo apprendistato musicale ed i suoi successi, sia in prima persona che attraverso la testimonianza di alcuni fra coloro che collaborarono con lui nel tempo. Ma anche il suo essere un geniale uomo di spettacolo e talvolta, un tipo poco raccomandabile. Ad Area M Orchestra, diretta dal trombettista e band leader Giovanni Falzone, il compito di evidenziare innanzitutto l’estrema attualità del linguaggio musicale di Dizzy Gillespie ed alla voce recitante di Corrado D’Elia, quello di raccontare una vita irripetibile e, sopratutto, irresistibile. Lo spettacolo è un reading tratto dall’autobiografia To Be Or Not To Bop – edita da Minimum Fax, casa editrice assai attenta alla riproposta delle vite eccellenti di molti artisti ed intellettuali del secolo scorso, con la drammaturgia di Paolo Bandini, Emilio Sioli e Mattia Sofo e con la regia affidata allo stesso Emilio Sioli.

STAGIONE 2019 | 2020

BIGLIETTERIA

CAMPAGNA ABBONAMENTI

PREZZI

  • intero – 30.00 € + 2.00 € prevendita

  • ridotto over 65/under 14 – 15.00 € + 1.50 € prevendita

ABBONAMENTI: 10 ingressi: € 240,00 – 5 ingressi: € 140,00

abbonamenti Community:

10 ingressi + 2 omaggi: € 120,00 – 5 ingressi: € 70,00

TEATRO MENOTTI Via Ciro Menotti 11, Milano – tel. 02 36592544 – biglietteria@tieffeteatro.it

ORARI BIGLIETTERIA Dal lunedì al sabato dalle ore 15.00 alle ore 19.00

domenica ore 14.30 | 16.30 solo nei giorni di spettacolo

Acquisti online con carta di credito su www.teatromenotti.org

ORARI SPETTACOLI

martedì, giovedì e venerdì ore 20.30 – mercoledì e sabato ore 19.30 (salvo diverse indicazioni) – domenica ore 16.30 – lunedì riposo

logo18R

Categorie Comunicati Stampa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close